L’amore ci fara a pezzi: 40 anni fa moriva Ian Curtis e nasceva la leggenda dei Joy Division

L’amore ci fara a pezzi: 40 anni fa moriva Ian Curtis e nasceva la leggenda dei Joy Division

Il cantautore si suicido per 23 anni e la band, mediante soli paio albo all?attivo, e diventata una delle piu influenti della musica

Il 18 maggio 1980 Ian Curtis si impicca nella sua edificio di Manchester. Per 23 anni mette perspicace alla sua cintura fra affanno, dolore di campare e medicinali in misurarsi l’epilessia, una apertura fulgido sulla musica e un’oscurita interiormente. Mediante i Joy Division incide paio albo, cupi e ossessivi modo le angosce senza rimedio. Il anniversario dopo sarebbe opportuno avviarsi in il originario tour americano della band, tra un unione disintegrato e una doloroso originalita caso amorosa. In cambio di scrive un foglietto: “Mediante presente lampo vorrei capitare stremato. Non riesco piuttosto a combattere”. “Love Will Tear Us Apart” e uno degli ultimi brani dei Joy Division per cui e condensata tutta la sua fragilita ed e la passo incisa sulla sua pietra sepolcrale.

Ian Curtis e Joy Division, le immagini di un utopia

La sofferenza adolescenziale di Ian Curtis per la musica aveva appena numi tutelari Jim Morrison, David Bowie e i Sex Pistols. Adatto posteriormente un composizione di Johnny Rotten e soci verso Manchester nel 1976, il garzone decide insieme alcuni amici di costituire una band. Siamo per gremito turbamento punk, e il quartetto guarda cosi agli artefici di “Anarchy per the Uk” cosicche alla deterioramento di Bowie. E particolare a un proprio passo si ispirano attraverso il iniziale notorieta della band, Warsaw, definizione adatta per fotografare il sound insensibile e asettico che traspare dalle loro prime composizioni. Ulteriormente canto la morte del 1977 si ribattezzano Joy Division, maniera la suddivisione affinche ospitava le prostitute destinate ai gerarchi nazisti nei campo di sterminio. “Unknown Pleasures”, il dischetto di avvio, viene noto il 15 giugno 1979. La suono baritonale e profonda di Curtis aveva echi di tragica pena e contribuiva alla specifico atmosfera allarmante delle canzoni. Canzoni oculare, cupe, ossessive, eppure unitamente un’innegabile potenziale musicale (riconoscenza al chitarrista Bernard Sumner).

Il circolo diventera una futura ciottolo miliare del post punk, eppure i problemi di Ian erano in precedenza molti. Durante quegli anni inizia a angosciarsi di convulsioni, e le potenti medicine cosicche era obbligato a rubare non aiutavano esattamente la stabilita del suo liquido. Le inquietudine avvenivano unitamente ritmo regolare e verso volte e sul assito. I fan erano arrivati ad aspettarselo e le vedevano che un parte giacche aggiungeva grazia al intesa. Contemporaneamente nel 1976, per soli 19 anni, aveva congiunto Deborah Woodruff: appresso tre anni eta nata la piccola Natalie e modico alle spalle aveva inizato una rapporto extraconiugale con Annik Honore, sua tifoso e giornalista. Tutti elementi determinanti in la sua perspicace.

Il altro e supremo disco dei Joy Division, “Closer”, esce precisamente a paio mesi di percorso dalla morte di Ian. Non e abbandonato il ruota postumo o il parte del cigno di un maestro scomparso esagerazione acerbamente: e un esplorazione nei meandri della pena, ove la illusione e sepolta vicino metri di tenuta, claustrofobico, abbacinante, lacerante. Un ultime volonta intellettuale affermato inizialmente di assistere la sua band consacrata in mezzo a i grandi del rock. Due dischi fra parole e musica che consegnarono Curtis e i Joy Division nella invenzione, un’eredita lasciata alla scena new wave di sagace anni 70. “Ian ha fatto una meravigliosa dichiarazione di come si sentiva al periodo: impaurito bensi potente”, affermo sopra accompagnamento il bassista Peter Hook.

Insieme i Joy Division, Ian aveva infine celebre il spirito del evento ringraziamento al unico “Love Will Tear Us Apart”, perche aveva abbozzo per riferire la morte del adatto connubio unitamente Deborah e perche grazie alla sua orecchiabilita eta entrato in ordine. Fu la stessa Deborah a accorgersi Ian pendulo al soffitto della cibi nella sua abitazione di Macclesfield, un sobborgo di Manchester. Era la mattina del 18 maggio 1980, una domenica. “Non riesco arpione verso perdonarlo, quelle cose avrebbe adeguato dirmele in quale momento era il momento”, disse ricordando il disgusto esausto durante la celebrita di quella aria. Love will tear us apart.

INVENZIONE, MODELLO E CELEBRAZIONE – E immenso l’alone di invenzione cosicche circola attualmente oggigiorno in giro al adatto popolarita, vissuto da diverse generazioni di patito. I Joy Division sono divenuti favola non verso l’effetto massmediatico del suicidio di Ian tuttavia ragione mediante pochi son stati capaci di appoggiare durante musica la debolezza dell’uomo con un atteggiamento percio leggero e abbattuto. Alle spalle pochi mesi dalla scomparsa del frontman, esordiscono gli in quell’istante sconosciuti U2 insieme l’album “Boy” (derrata da quel Martin Hannett, proprio conformemente al melodia esangue dei Joy Division) e dedicano adatto per Ian Curtis il frammento “A day without me”. Posteriormente un dodici mesi di sosta Peter Hook, Stephen Morris e Bernard Sumner, i tre fu componenti dei Joy Division, fonderanno i New Order, diventando un unione elettro-pop principale. Ciononostante questa e un’altra scusa. Negli anni, tanti artisti hanno gratis incontri bdsm contratto il voglia di Ian Curtis, Nine Inch Nails, Radiohead, the Killers, Arcade Fire fino alla riscoperta piuttosto fresco di quella new wave attraverso nomi modo Interpol ed Editors. Anni fa la coniuge Deborah ha noto un storiella dei suoi anni col coniuge, “Touching from verso Distance”, da cui Anton Corbijn ha segno il film “Control”, uscito nel 2007.

UN ACCADIMENTO IN STREAMING – verso ricordare Ian Curtis gli ex-compagni di band Bernard Sumner e Stephen Morris prenderanno ritaglio per un fatto durante streaming apposito alla testimonianza del canzonettista, “Moving Through The Silence: Celebrating The Life And The Legacy Of Ian Curtis”. Piu in la alle interviste verso Sumner e Morris, sono previste e quelle al leader dei Killers Brandon Flowers, all’attrice Maxine Peake e al produttore Mark Reeder. I gruppi giacche si esibiranno dal acuto saranno gli Elbow, LoneLady, i Lottery Winners e i Kodaline. L’evento servira verso racimolare fondi per il fulcro di benessere psicologico di Manchester.